Seguici su

Esplora contenuti correlati

 

dpcm 13 ottobre 2020 coordinato con le modifiche apportate dal dpcm del 18 ottobre 2020 - Ordinanza della Regione Lombardia n. 620 del 16 ottobre 2020 - decreto del Ministro per la Pubblica Amministrazione del 19 ottobre 2020 – Misure conseguenti e direttive generali.

PROTOCOLLO N. 6022 DEL GIORNO 24/10/2020  - DISPOSIZIONI AL PERSONALE

Al fine di contemperare l’esigenza di contrasto alla pandemia con la necessità di continuità nell’erogazione dei servizi, i Capi Settore/Resp. di Servizio coordinati dal Segretario Generale privilegiano i sistemi di comunicazione a distanza e il lavoro agile disciplinato dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, laddove compatibile con le attività di servizio.

 

 

I Responsabili di Servizio coordinati dal Segretario Generale:

-          organizzano su base giornaliera, settimanale o plurisettimanale lo svolgimento del lavoro agile, anche in modalità semplificata, nella misura del 50% del personale impegnato in attività che possono essere svolte secondo questa modalità;

-          promuovono in ogni caso percentuali più elevate di lavoro agile, compatibili con la qualità e l’effettività del servizio erogato, tenendo anche conto dell’evolversi della situazione epidemiologica,;

-          monitorano le prestazioni rese in smart working da un punto di vista sia quantitativo sia qualitativo verificando anche i feedback che arrivano dall’utenza e dal mondo produttivo;

-          organizzano lo svolgimento dello smart working senza vincoli di orario e luogo di lavoro o per specifiche fasce di contattabilità, senza maggiori carichi di lavoro. In ogni caso, al lavoratore sono garantiti i tempi di riposo e la disconnessione dalle strumentazioni tecnologiche di lavoro;

-          si adoperano per mettere a disposizione i dispositivi informatici e digitali ritenuti necessari, rimanendo comunque consentito l’utilizzo di strumentazione di proprietà del dipendente;

-          favoriscono il lavoro agile per i lavoratori disabili o fragili anche attraverso l’assegnazione di mansioni diverse e di uguale inquadramento; nella rotazione del personale fanno riferimento a criteri di priorità che considerino anche le condizioni di salute dei componenti del nucleo familiare del dipendente, della presenza di figli minori di quattordici anni, della distanza tra la zona di residenza o di domicilio e la sede di lavoro, del numero e della tipologia dei mezzi di trasporto utilizzati e dei relativi tempi di percorrenza;

-          favoriscono l’accesso tramite prenotazione dell’utenza e dei Consiglieri comunali non ricoprenti la carica di Amministratore, consentendo la presenza contemporanea di un numero limitato di persone in base alla capienza del locale. L’attività di front office per gli uffici ad alto afflusso di utenti esterni viene svolta esclusivamente nelle postazioni dedicate e dotate di vetri o pareti di protezione. Per le riunioni vengono prioritariamente favorite le modalità a distanza; in alternativa, dovrà essere garantito il rispetto del mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro e l’uso della mascherina.

L’efficacia delle suddette misure decorre dalla data odierna e sino a diversa comunicazione. 

 

NB IL TESTO INTEGRALE DELLA DISPOSIZIONE è ALLEGATO ALLA PRESENTE NOTIZIA

 
torna all'inizio del contenuto