Utilizzo dei Cookie

Il nostro sito utilizza cookie tecnici necessari a rendere semplice l'uso dei nostri servizi ai nostri visitatori. Vengono inoltre utilizzati link e componenti di terze parti che potrebbero a loro volta generare cookie dei quali non possiamo essere responsabili. Premere su 'OK' oppure continuare la navigazione nel nostro sito comporterà la prestazione del consenso all'uso dei Cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Eventi e Spettacoli

25
Aprile
2018

73° anniversario della Liberazione Settimana della Resistenza 2018

73°anniversario della Liberazione

25 aprile 2018

programma del Comune di Cigognola

25_aprile_cigognola.pdf

 

 

Settimana della Resistenza 2018

Calendario delle iniziative organizzate dalle Municipalità di Broni e Cigognola,

da domenica 22 a sabato 28 aprile 2018

la_settimana_della_resistenza_2018.pdf

resistenza 2018.jpg

22
Aprile
2018

22/04/2018 - 10 IN CONDOTTA Giornata di gusto e sapori del territorio

10 IN CONDOTTA

Giornata di gusto e sapori del territorio

dalle 09.00 alle 19.00 

Piazza Castello, Viale delle Rimembranze, Parco delle Feste

10_in_condotta_note per la stampa.jpg

10_in_condotta_light.jpg

pique_nique.jpg

Cigognola – 22 aprile 2018

In collaborazione con Slow Food – Condotta Oltrepò Pavese

25
Marzo
2018

Giornata mondiale della poesia 2018 - Vanno a due a due i poeti (F. De Gregori)

L’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca

con il patrocinio del Comune di Cigognola

in occasione della Giornata mondiale della poesia

presenta

Vanno a due a due i poeti (F. De Gregori)

Patrizia Argentino Vs Alexandra Firita

manifesto 25 marzo 2018.jpg

Letture a cura di Elisa Califano e Zelinda Gasparini

Commento musicale a cura di Nicolò Torciani (hang drum e altre diavolerie)

domenica 25 marzo 2018, ore 17,00

PoloCivicoCulturaledi Valle Cima

Piazza d’Europa Unita 1, Cigognola

 

Non cercate di prendere i poeti, perché vi scapperanno tra le dita.

(Alda Merini)

 

Sono nata il ventuno a primavera

ma non sapevo che nascere folle,

aprire le zolle

potesse scatenar tempesta.

(Alda Merini)

 

Vanno a due a due i poeti,

verso chissà che luna,

amano molte cose, forse nessuna.

(F. De Gregori)

 

Ogni anno si celebra la Giornata mondiale della poesia nel primo giorno di primavera, che coincide anche con l’anniversario della nascita di una grande poetessa italiana, Alda Merini – Milano, 21 marzo 1931-1 novembre 2009.

Istituita dall'Unesco nel 1999, la Giornata mondiale della Poesia riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace.

 

Per celebrare la Giornata 2018, l’associazione culturale L’Officina delle Buone Idee, in collaborazione con la civica biblioteca e con il patrocinio del Comune di Cigognola, organizza il reading di poesia Vanno a due a due i poeti (da un verso della canzone Poeti per l’estate di F. De Gregori) in cui Patrizia Argentino e Alexandra Firita proporranno un saggio delle proprie opere, lette da Elisa Califano e Zelinda Gasparini.

 

Le letture saranno intervallate da improvvisazioni musicali eseguite da Nicolò Torciani.

10
Marzo
2018

Ettore Nicotra – Sculture 10 – 25 marzo 2018

L’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca di Cigognola

con il patrocinio del Comune di Cigognola

presenta

Ettore Nicotra – Sculture

10 – 25 marzo 2018

ettore_nicotra_sculture.jpg

PoloCivicoCulturaledi ValleCima

Piazza d’Europa Unita

27040 Cigognola

Orari: il sabato e la domenica, dalle 15,30 alle 19,00

su appuntamento, telefonando al n. 338_7224628

Inaugurazione: sabato 10 marzo, ore 17,30

 

Ettore Nicotranasce a Casteggio nel 1948.

[...] sin dalla prima età scolare manifesta una spiccata vocazione per il disegno, che viene notata dal suo insegnante, il pittore Betto Lotti.

Frequenta, giovanissimo, lo studio di Hector Guttieres, un ottimo paesaggista, che gli fa compiere un severo tirocinio di copia dal vero e uso del colore.

Nei primi anni ’60 [...], dopo una sospensione di alcuni anni, rimette mano a pennelli, tele e matite. Nel frattempo inizia gli studi di giurisprudenza che persegue sino alla laurea.

Nel 1976 decide di trasferirsi a Parigi dove frequenta da esterno il Beaux Arts e si lega di amicizia con i pittori della comunità artistica italiana: Del Drago, Adami, Cremonini, Licata, Bellomo che lo invitano alle manifestazioni della capitale.

Nei primi anni '80 [...] intraprende la professione di avvocato presso il Foro di Milano (che tuttora perdura) senza però tralasciare la passione artistica ed esponendo in diverse città della penisola.

Da circa quindici anni il suo interesse si è spostato sulla scultura dove sperimenta, dapprima, la terracotta per giungere, quindi, alle opere in ferro dell'ultimo periodo.

Ecco come l’amico Achille Raffinetti descrive la poetica di Nicotra: [...] la necessità di evadere dalla quotidianità e l’innato senso artistico, maturato sin da giovanissimo nell’atelier di Guttieres, portano Nicotra verso la sua grande avventura espressiva in compagnia di due elementi a lui cari: il ferro e l’argilla. Anni di ricerche (anche tra i materiali di scarto) e la perseveranza nel disegno e nella pittura lo collocano nella categoria di artisti classificati come “ribelli & sognatori”.

I lavori di ferro evocano sensazioni primordiali sull’onda di: “Cera una volta…” una società di guerrieri che percorreva sentieri selvaggi alla conquista dell’ignoto, dentro una fiaba che si interroga sul male delle guerre perpetue e sulla sfida dell’uomo contro la natura.

Le opere in cotto si staccano dalle azioni materiali e paiono nuvole in viaggio con il loro carico di sogni per dare corpo ai sospiri dell’anima e all’eterno vagabondare alla ricerca dell’unione perfetta.

[...] Il tutto è rappresentato con naturalezza incisiva e penetrante, resa arte da una raffinata ironia che libera una forza fantastica protesa verso una lirica universale.

10
Marzo
2018

Giornata Internazionale della Donna 2018 - storie della buonanotte per bambine ribelli

In occasione della Giornata Internazionale della Donna 2018

 

il Comune di Cigognola

in collaborazione con l’associazione culturale L’Officina delle buone idee

con la partecipazione della civica biblioteca di Cigognola

 

presenta

 

Storie della buonanotte per bambine ribelli

 

letture a cura di Barbara Albergati, Elisa Califano, Zelinda Gasparini, Maria Introini, Elisabetta Montagna

 

Commento musicale a cura di

Marco Scipione, Gianmarco Straniero

 

sabato 10 marzo 2018, ore 21,00

bambine_ribelli.jpg

PoloCivicoCulturaledi Valle Cima

Piazza d’Europa Unita 1, Cigognola

25
Febbraio
2018

Veleno d’amore di Eric-Emmanuel Schmitt - 25/02/2018

L’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca di Cigognola

con il patrocinio del Comune di Cigognola

presenta

veleno_amore.jpg

Veleno d’amoredi Eric-Emmanuel Schmitt

 

lettura scenica a cura di

Elisa Califano, Emanuela Farina, Zelinda Gasparini, Maria Introini

 

domenica, 25 febbraio 2018, ore 17,00

 

PoloCivicoCulturale di ValleCima

Piazza d’Europa Unita

27040 Cigognola

 

In Veleno d’amore ci troviamo di fronte a un intreccio di quattro diari scritti da quattro amiche adolescenti, Julia, Anouchka, Raphaëlle e Colombe, molto diverse fra loro, che raccontano senza veli gli accadimenti della loro vita. Fin dalle prime pagine ci accorgiamo che quello che scrivono nei loro diari non è quello che confidano alle amiche. È alla parola scritta che svelano le loro confessioni più intime, anche quelle più scomode, più crudeli e più tristi.

Quattro ragazze, quattro diari ricchi di esperienze di vita, emozioni, sentimenti e incertezze sull’amore.

Schmitt riesce a farci rivivere l’adolescenza senza veli nelle sue varie sfaccettature, passando da uno stile ironico a un finale drammatico. (Chiara Gradassi – leggereacolori.com)

 

Autore dell'acclamato Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, il francese Eric-Emmanuel Schmitt coltiva una capacità sbalorditiva di mutare ambientazione e prospettive dei suoi romanzi. Se là erano il bambino Momo e un anziano droghiere, a mettere in scena in una via parigina una piccola integrazione tra arabi ed ebrei, nei libri successivi Schmitt ha fatto parlare donne delle pulizie cinesi (I dieci figli che la signora Ming non ha mai avuto), ha immaginato l'odissea di un giovane iracheno fino a Londra (Ulisse da Baghdad), ha dato voce a un'immaginaria antagonista di Maria Callas (La rivale), scritto storie di sesso matto in un condominio di Bruxelles (La giostra del piacere). Senza mai perdere in credibilità e verosimiglianza. (Francesca Frediani, D – Repubblica)

 

Eric-Emmanuel Schmitt non è evidentemente mai stato una ragazza. E non ha più diciassette anni da poco meno di quaranta. Eppure le quattro protagoniste sono talmente autentiche che quasi non sembra possibile che siano nate dalla mente, dal cuore e dalla penna di un uomo. Di certo uno dei più grandi scrittori viventi. (Gabriele Ottaviani – Mangialibri)