Utilizzo dei Cookie

Il nostro sito utilizza cookie tecnici necessari a rendere semplice l'uso dei nostri servizi ai nostri visitatori. Vengono inoltre utilizzati link e componenti di terze parti che potrebbero a loro volta generare cookie dei quali non possiamo essere responsabili. Premere su 'OK' oppure continuare la navigazione nel nostro sito comporterà la prestazione del consenso all'uso dei Cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Eventi e Spettacoli

25
Febbraio
2018

Veleno d’amore di Eric-Emmanuel Schmitt - 25/02/2018

L’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca di Cigognola

con il patrocinio del Comune di Cigognola

presenta

veleno_amore.jpg

Veleno d’amoredi Eric-Emmanuel Schmitt

 

lettura scenica a cura di

Elisa Califano, Emanuela Farina, Zelinda Gasparini, Maria Introini

 

domenica, 25 febbraio 2018, ore 17,00

 

PoloCivicoCulturale di ValleCima

Piazza d’Europa Unita

27040 Cigognola

 

In Veleno d’amore ci troviamo di fronte a un intreccio di quattro diari scritti da quattro amiche adolescenti, Julia, Anouchka, Raphaëlle e Colombe, molto diverse fra loro, che raccontano senza veli gli accadimenti della loro vita. Fin dalle prime pagine ci accorgiamo che quello che scrivono nei loro diari non è quello che confidano alle amiche. È alla parola scritta che svelano le loro confessioni più intime, anche quelle più scomode, più crudeli e più tristi.

Quattro ragazze, quattro diari ricchi di esperienze di vita, emozioni, sentimenti e incertezze sull’amore.

Schmitt riesce a farci rivivere l’adolescenza senza veli nelle sue varie sfaccettature, passando da uno stile ironico a un finale drammatico. (Chiara Gradassi – leggereacolori.com)

 

Autore dell'acclamato Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, il francese Eric-Emmanuel Schmitt coltiva una capacità sbalorditiva di mutare ambientazione e prospettive dei suoi romanzi. Se là erano il bambino Momo e un anziano droghiere, a mettere in scena in una via parigina una piccola integrazione tra arabi ed ebrei, nei libri successivi Schmitt ha fatto parlare donne delle pulizie cinesi (I dieci figli che la signora Ming non ha mai avuto), ha immaginato l'odissea di un giovane iracheno fino a Londra (Ulisse da Baghdad), ha dato voce a un'immaginaria antagonista di Maria Callas (La rivale), scritto storie di sesso matto in un condominio di Bruxelles (La giostra del piacere). Senza mai perdere in credibilità e verosimiglianza. (Francesca Frediani, D – Repubblica)

 

Eric-Emmanuel Schmitt non è evidentemente mai stato una ragazza. E non ha più diciassette anni da poco meno di quaranta. Eppure le quattro protagoniste sono talmente autentiche che quasi non sembra possibile che siano nate dalla mente, dal cuore e dalla penna di un uomo. Di certo uno dei più grandi scrittori viventi. (Gabriele Ottaviani – Mangialibri)

04
Febbraio
2018

Tradizionale raduno alpino in occasione dell'anniversario della Battaglia di Nikolajewka - 2018

In allegato il programma della giornata di domenica 4 febbraio 2018, in ricordo della battaglia di Nikolajewka

nikolajewka_2018.pdf

26
Gennaio
2018

Giorno della memoria e del Giorno del ricordo - 2018

In occasione del Giorno della memoria e del Giorno del ricordo

l’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca di Cigognola

con il patrocinio del Comune di Cigognola

presenta

La Shoah: io ricordo!

shoah_2018.jpg

venerdì 26 gennaio 2018, ore 21,00

PoloCivicoCulturaledi Valle Cima

Piazza d’Europa Unita 1, Cigognola

Io ricordo!

I milioni di vittime della Shoah: non solo donne, uomini e bambini ebrei, ma anche zingari, omosessuali, invalidi, “passati” per i camini dei campi di concentramento di Auschwitz, Birkenau, Bergen-Belsen, Buchenwald, Dachau, Mauthausen, tanto per citare i più noti!

Io ricordo!

I decreti legge, le leggi, le ordinanze, le circolari che hanno introdotto in Italia, a partire dal novembre 1938, la definizione giuridica di “appartenente alla razza ebraica” al solo fine di “creare il nemico”, di allontanare gli ebrei dalle scuole, dal lavoro, di spogliarli dei loro averi, di consegnarli, in ultima analisi, all’occupante nazista che cinque anni più tardi li deporterà nei campi di sterminio!

Io ricordo!

Le gravissime affermazioni pronunziate recentemente da un noto politico (sic!) lombardo, che fanno riferimento alla razza bianca, al rischio che la razza bianca sta correndo in seguito all’accoglienza nel nostro Paese dei numerosi migranti!

Io ricordo!

Gli adesivi con il celebre sorriso di Anne Frank, la ragazzina ebrea-olandese deportata dai nazisti e morta nel campo di Bergen Belsen, utilizzati dai tifosi della Lazio come veicolo d’insulti indirizzati ai tifosi romanisti!

Io ricordo!

La Shoah: io ricordo!è il titolo che si è voluto dare allo spettacolo che si terrà venerdì 26 gennaio 2018 (inizio ore 21,00) al PoloCivicoCulturale di Cigognola (Piazza d’Europa Unita 1 – Valle Cima) in occasione del Giorno della Memoria 2018!

Per mantenere viva la memoria, per farci ancora una volta riflettere, i "donatori di voce” dell’A.Do.V. di Broni –Patrizia Buiatti, Pietro Colombi, Ilaria Evangelisti, Maddalena Pecorini, Caterina Pelizzari– proporranno letture tratte da opere di Bertolt Brecht, Pavel Friedman, Peter Weiss, Joyce Lussu, Primo Levi, Fred Uhlman, Luis Sepúlveda, Claudia Erao Maga.

Le letture saranno accompagnate da brani musicali eseguiti al violino da Alice Marinie Riccardo Maccabrunialla fisarmonica.

 

14
Gennaio
2018

Donne dagli occhi grandi di Àngeles Mastretta

L’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca di Cigognola

con il patrocinio del Comune di Cigognola

presenta

Donne dagli occhi grandidi Àngeles Mastretta

donne_dagli occhi grandi.jpg

lettura scenica a cura di

Elisa Califano, Emanuela Farina, Zelinda Gasparini,

domenica, 14 gennaio 2018, ore 17,00

PoloCivicoCulturale di ValleCima

Piazza d’Europa Unita

27040 Cigognola

 

Àngeles Mastretta ha creato con questo libro, fatto di piccoli racconti, dei mirabili affreschi tutti al femminile, tratteggiati con tocco leggero ma intenso.
Le protagoniste, che sono mamme, mogli, amanti, sorelle, entrano in punta di piedi, si presentano con il loro abito della domenica o con le vesti comode che tengono in casa mentre sono affaccendate con figli e mariti; si destreggiano tra fornelli e ricami, tra chiacchiere con le amiche e cene di cortesia; hanno addosso il profumo delle spezie e delle noci, del cioccolato e del peperoncino, l’odore di olive e vaniglia, di zucchero grezzo e baccalà, l’odore della città di Puebla; vivono nel loro spaccato di quotidianità che non ci appare però mai banale, mai scontato od ordinario perché ad interpretarlo, con la forza trascinante dei propri pensieri e sentimenti, sono loro stesse, le donne dagli occhi grandi.

Le donne dagli occhi grandi guardano il mondo con meraviglia ed entusiasmo, con rabbia, tormento e determinazione, con voglia di vivere e di combattere.
Le donne dagli occhi grandi sono tante, tutte affascinanti, ciascuna con la propria unica e particolare bellezza concentrata in un particolare del viso, in una ciocca di capelli, nel modo di incedere, di parlare o di sorridere.
Le donne dagli occhi grandi amano con passione, fanno dell’oggetto del loro desiderio il centro della propria vita, pronte a sacrificarsi, a mentire, a negare se stesse, a fare le valigie e partire. (Raffaella Santulli per Sololibri.net)

 

La zia Daniela s'innamorò come s'innamorano sempre le donne intelligenti: come un'idiota (À. Mastretta)

17
Dicembre
2017

Novecento di Alessandro Baricco lettura scenica

L’associazione culturale L’Officina delle buone idee

in collaborazione con la civica biblioteca di Cigognola

con il patrocinio del Comune di Cigognola

presenta

 

Novecentodi Alessandro Baricco

manifesto 900.jpg

lettura scenica a cura di

Enzo Arìa, Elisa Califano, Zelinda Gasparini, Claudio Landolfi

 

domenica, 17 dicembre 2017, ore 17,00

 

PoloCivicoCulturale di ValleCima

Piazza d’Europa Unita

27040 Cigognola

 

Novecentoè per sua natura, come dice l’autore Alessandro Baricco, una via di mezzo tra una vera messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce.

È il dispiegarsi della vita stravagante di Danny Boodmann T. D. Lemon Novecento, il più grande pianista che abbia mai suonato sull'Oceano, un uomo nato, vissuto e morto sul piroscafo Virginian senza mai metter piede sulla terraferma.

Dalla musica, ma più specificamente dal pianoforte, Novecento non troverà mai la forza di svezzarsi, non riuscirà mai a superare la paura di amare e di crearsi delle radici, sopraffatto dalla paura di non riuscire a vedere neanche lontanamente una fine nel mondo al di fuori del piroscafo; perciò dedica la sua esistenza a suonare allo scopo di sgravare i cuori dei passeggeri dalla paura dell'immensità dell'oceano. Piuttosto che raggiungere un compromesso con la vita, preferisce incantare i propri sogni, le proprie speranze, e lasciarsi esplodere, una volta che va dismesso, col transatlantico che per tutta la vita ha conosciuto i suoi timori e custodito i suoi desideri.

 

Suonavamo perché l'Oceano è grande, e fa paura, suonavamo perché la gente non sentisse passare il tempo, e si dimenticasse dov'era e chi era. Suonavamo per farli ballare, perché se balli non puoi morire, e ti senti Dio. E suonavamo il ragtime, perché è la musica su cui Dio balla, quando nessuno lo vede. Su cui Dio ballava, se solo era negro.

25
Novembre
2017

L'eccellenza dei sensi

L’Eccellenza dei Sensi

Enoteca Regionale della Lombardia

Broni, Via Cassino Po n. 2 (S. P. n. 10)

Sabato 25 novembre 2017, dalle ore 14,00 alle ore 20,00

Domenica 26 novembre 2017, dalle ore 10,00 alle ore 20,00

manifesto l' eccellenza dei sensi.jpg

Cos’è:              L’Eccellenza dei Sensi è un’occasione per lo shopping natalizio. Allegra di Cuore (Rebecca Rovati), Az. Agr. Quaquarini Francesco, Cristina Civardi, Edonè Tea Shop (Marina Pasotti), Emilia Peroni + Susi Saccone, Gio Matassoni Vasini, La Sposa dipinta (Michela Zelaschi), Maria Chiara Gatti, Pasticceria Chocolat, Valeria Chernova mostreranno le nuove proposte/creazioni/produzioni nella tranquillità di una location insolita perché si possano visionare, riservare o acquistare, già pensando ai doni per il prossimo, imminente Natale.

 

Dove:               Enoteca Regionale della Lombardia – Broni, Via Cassino Po n. 2 (S. P. n. 10)

 

Quando:          Sabato 25 novembre 2017, dalle ore 14,00 alle ore 20,00

                        Domenica 26 novembre, dalle ore 10,00 alle ore 20,00

 

Domenica 26 novembre, ore 11,00 - area relax dell'Enoteca, presentazione del volume C'è un cadavere tra i fiori (I giardini in Agatha Christie) di Attilia Vicini e Maurizio Merlo

Domenica 26 novembre, ore 16,00 - area relax dell'Enoteca, presentazione del volume Oltrepò Pavese, con le fotografie di Carlo Ballerini ed i testi di Elisabetta Balduzzi e Guido Conti

 

Enoteca Regionale della Lombardia propone, per la cena di sabato 25 e per il pranzo di domenica 26, un menù-degustazione ad € 25,00 (bevande escluse), in alternativa al consueto menù alla carta!

 

Ah, naturalmente l'ingresso è libero!